Skip to content

Cambiamento climatico step by step!

Quante volte ci siamo sentiti dire che a causa delle nostre azioni contribuiamo al “cambiamento climatico”?

Tante, ve lo dico io, riportandovi qui un paio di frasi (forse le più gettonate dai media) sul cambiamento climatico:

“Le attività umane hanno aumentato le emissioni di anidride carbonica (CO2), aumentando di conseguenza le temperature”;

“Il clima estremo e lo scioglimento dei ghiacci polari sono tra i possibili effetti”.

Ok, ma di preciso cosa significa? Di quali “attività umane” si parla? Lo scopriamo insieme, dando significato, e quindi valore, ad ogni parola.

Obiettivi: conoscere, comprendere e agire per il bene del nostro pianeta e di ogni essere vivente, noi compresi.


Che cos’è il cambiamento climatico?

Il clima è il tempo medio che si presenta in un luogo per molti anni. Il cambiamento climatico è il cambiamento di quelle condizioni medie.

Con l’aumento delle temperature globali, la Terra si trova ora in un periodo di rapido cambiamento climatico.

Vediamo ora insieme quali conseguenze ha questo tipo di cambiamento sulla vita degli esseri umani.

Il cambiamento climatico trasforma il nostro modo di vivere, causando scarsità d’acqua e rendendo più difficile la produzione di cibo. Non si tratta di qualcosa di utopico, o che con tutta probabilità potrà verificarsi: è ciò che sta accadendo ora, oggi, adesso.

Alcune regioni stanno diventando pericolosamente calde e altre inabitabili a causa dell’innalzamento del livello del mare.

Eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, acquazzoni e tempeste, diventano più frequenti e intensi, minacciando vite e mezzi di sussistenza.

Va da sé che le persone nei paesi più poveri, che sono meno in grado di adattarsi o che non hanno i mezzi per mettersi in salvo, soffriranno di più.

E sull’ambiente?

Il ghiaccio polare e i ghiacciai si stanno sciogliendo rapidamente, con le zone costiere basse minacciate da continue inondazioni a causa dell’innalzamento delle acque di mari e oceani.

Mentre il permafrost (terreno ghiacciato), si scioglie in luoghi come la Siberia, il metano (altro gas serra) viene rilasciato nell’atmosfera, peggiorando il cambiamento climatico.

É a causa anche di queste condizioni meteorologiche che gli incendi stanno diventando più frequenti. Un tema questo che ci tocca da vicino e che approfondiremo nei prossimi mesi.

La natura.

Man mano che i loro habitat cambiano, alcune specie saranno in grado di trasferirsi in nuovi spazi, si parla di nuove migrazioni dovute al cambiamento climatico.

Un cambiamento così rapido che però ha già portato diverse specie all’estinzione. Cito solo alcune delle specie ad alto rischio: gli orsi polari a causa dello scioglimento dei ghiacciai, il salmone atlantico a causa del riscaldamento delle acque dei fiumi (in cui è solito riprodursi). Le barriere coralline tropicali stanno scomparendo perché gli oceani assorbono CO2 e diventano più acidi.

Quali sono le cause del cambiamento climatico?

Ci sono sempre state variazioni naturali del clima, classificate naturali anche perché “sopportabili” dal nostro pianeta e da noi che lo viviamo. Oggi però queste variazioni sono troppo repentine, e le maggiori cause sono attribuite alle nostre azioni quotidiani. Azioni che sembra si ripercuotino lontano dalla nostra confort zone, ma in realtà non è così. Accade ora, sia nella grande metropoli sia nel nostro piccolo paese di provincia. Ci riguarda tutt*.

Il mondo è più caldo di circa 1,2°C rispetto a prima che le persone iniziassero ad usare petrolio, gas e carbone per alimentare le fabbriche, i trasporti e per riscaldare le case.

I gas serra rilasciati dalla combustione stessa di questi combustibili fossili intrappolano l’energia del sole.

La quantità di un gas serra nell’atmosfera, la CO2, è aumentata di circa il 50% dal 19° secolo e del 12% negli ultimi due decenni.

Un’altra fonte di gas serra è la deforestazione. Quando gli alberi vengono bruciati o abbattuti, viene rilasciato il carbonio che normalmente viene invece immagazzinato.

Cosa accadrà in futuro?

Gli scienziati hanno fissato un aumento della temperatura di 1,5°C come limite “sicuro” per il riscaldamento globale. Se le temperature aumentano, i cambiamenti dannosi all’ambiente naturale trasformeranno lo stile di vita degli esseri umani. Molti scienziati ritengono che ciò accadrà e prevedono aumenti di 3°C o più entro la fine del secolo.

Cosa stanno facendo i governi?

Ai paesi viene chiesto di adottare obiettivi che riducano le loro emissioni di gas serra a “zero netto” entro la metà di questo secolo.

Ciò significa che qualsiasi emissione potrebbe essere bilanciata assorbendo una quantità equivalente, ad esempio piantando alberi.

La speranza è che questo eviti gli effetti più pericolosi del cambiamento climatico, arrestando il rapido aumento della temperatura.

Cosa stanno facendo gli esperti?

Lo studio del cambiamento climatico da parte degli scienziati, dei ricercatori, è in continuo aumento.

Ad oggi possono stabilire un collegamento tra il cambiamento climatico e i singoli eventi meteorologici come piogge estreme e ondate di calore. La speranza è quella di prevederli.

Passiamo a noi… cosa puoi fare tu, ogni giorno?

I modi per agire e ridurre il nostro impatto ambientali sono tanti. Ecco alcuni esempi:

  • Riduci l’uso della tua auto, preferendo mezzi pubblici o se puoi utilizzando la bici o i piedi (risparmi sul portafogli e guadagni in salute);
  • Riduci il consumo di carne rossa, latticini e derivati di origine industriale;
  • Prendi meno voli possibili;
  • Calcola la tua impronta ecologica e scopri quale delle tue attività quotidiane ha il maggior impatto sull’ambiente. Ti consigliamo questo calcolatore online;
  • Adotta uno stile di vita con impatto sostenibile (qui le azioni sono davvero tante!): in concreto fai un check della tua casa, cosa puoi migliorare? Ad Impatto abbiamo creato delle #impattochallenge (sfide online) per aiutarti ad analizzare il tuo stile di consumo ed imparare a ridurre il tuo impatto! Abbiamo trattato temi come i rifiuti, la moda, l’alimentazione: dacci un occhio ed unisciti a noi!

Ti é piaciuto questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.