Perché è importante calcolare il proprio impatto ambientale?

L’impatto ambientale (o impronta ecologica) misura in ettari la quota del pianeta “utilizzata” per produrre le risorse che consumiamo. Se i nostri stili di vita sono troppo avidi perché la Terra possa sopravvivere indenne, ci sono molti modi per ridurre il nostro impatto.

La prima volta che ho calcolato il mio impatto ambientale, sono rimasta interdetta dal risultato: avrei avuto bisogno di 2,5 pianeti per sostenere il mio ritmo di consumo. Sconvolta, scruto il mio appartamento alla ricerca di qualcuno a cui dare la colpa. Fisso i quattro sacchi dell’immondizia che sta sera dovrò portare fuori per la raccolta, prima di rendermi conto che il forno funziona contemporaneamente alla lavastoviglie, che il mio “wallet” virtuale é pieno di voli per le vacanze e che il mio armadio straborda di vestiti.
Così, per una settimana, ho deciso di mirare ai miei “punti ciechi” per ridurre al minimo il mio impatto ambientale. Questo per cambiare le mie (cattive) abitudini quotidiane, ma soprattutto per riuscire a scendere sotto i due pianeti necessari alla nostra esistenza.Una settimana dopo l’altra, un gesto dopo l’altro, ad oggi ho bisogno di “solo” 1,2 pianeti per vivere. Sono sulla buona strada!
La nostra impronta ecologica è calcolata in ettari. Si tratta di una misura della superficie del pianeta che viene “utilizzata” per produrre tutte le risorse consumate quotidianamente (cibo, vestiti, abitazioni, ecc.) e per assorbire i rifiuti generati.
In breve, l’impronta ecologica è intrinsecamente legata al modo in cui mangiamo, ci muoviamo, agiamo. Abbiamo tutti bisogno di migliorare alcuni aspetti della nostra vita quotidiana che potrebbero, senza neanche troppi sforzi, ridurre il nostro impatto abientale.
Ecco perché, dopo anni di tentativi, successi ma anche fallimenti, ho deciso di creare l’#impattochallenge con l’obiettivo di sfidarci ad osservare le nostre abitudini e a trovare soluzioni più eco-sostenibili proprio li, dove più ne abbiamo. Niente pressioni e nessun giudizio, solo suggerimenti da cogliere secondo il vostro ritmo e la vostra disponibilità. Che ne dite, accettate la sfida?

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *